Articolo > Attualità > Usare Quantalys
Prosegue l’aggiornamento del sito Quantalys!
24/07/2019 - Luigi Carta
  Imprimer
Da sempre il nostro punto di forza è il combinato disposto di rigorose logiche economico – finanziarie e di una particolare attenzione alla loro espressione grafica e quindi alla comunicazione in chiave commerciale. Ed è questa la filosofia che ha guidato il lavoro di aggiornamento di Quantalys. Nel corso degli ultimi mesi infatti abbiamo introdotto delle novità sul sito e implementato una serie di upgrade al fine di offrire un servizio di sempre maggiore qualità senza pregiudicare l’impostazione classica dei nostri tool.

Dopo l’aggiornamento del mese di Aprile che ha coinvolto l’Homepage, il Portafoglio in Pesi e il tool Proposta, da oggi è disponibile la nuova versione del portafoglio transazionale.

Il Portafoglio Transazionale è lo strumento che ti consente di monitorare nel tempo la posizione del cliente registrando tutte le movimentazioni intercorse dalla data di creazione dello stesso.

A differenza del Portafoglio in Pesi, che offre un’istantanea dell’investimento, con il Portafoglio Transazionale avrai il dettaglio non solo della performance time weighted return (TWR) ma anche della performance money weighted return (MWR). L’una, infatti, è pesata per il tempo e neutralizza i conferimenti e i riscatti del cliente; l’altra, invece, è pesata per i flussi ed è utile al consulente per spiegare ai propri clienti l’impatto del timing dei flussi sulla performance registrata nel periodo di analisi.

La nuova versione del Portafoglio Transazionale si articola in sei sessioni:

  1. Sintesi;
  2. Performance;
  3. Esposizione;
  4. Movimenti;
  5. Analisi;
  6. Controlli.

La schermata di Sintesi è quella che ti offre una panoramica generale dell’investimento, ciascuna sezione viene poi approfondita nel tab dedicato.  

Viene data indicazione dell’evoluzione del portafoglio sia in termini di  performance che di montante, per l’analisi approfondita della prima si rimanda al tab Performance, per il secondo al tab Movimenti dove si trova indicazione di  acquisti, vendite e stacchi cedolari.

Ancora nella sintesi si trova il dettaglio della composizione in prodotti (con uno zoom dedicato nella sessione Performance), dell’asset allocation sottostante e dell’esposizione valutaria (a queste due analisi è totalmente dedicato il tab Esposizioni).

Con l’upgrade del sito abbiamo introdotto la versione beta dell'analisi ESG del portafoglio. Trattandosi di una versione beta, sulla quale abbiamo lavorato nei mesi scorsi e che verrà perfezionata nel corso dell'estate, siamo qui per ascoltare le vostre impressioni. 

Nella schermata di Sintesi viene riportata la percentuale di fondi ESG presenti nel portafoglio rispetto al numero totale di fondi.  

Il dettaglio dell’analisi si trova nella sessione Esposizione. Per ciascun fondo con mandato ESG viene indicata l’intensità: l’intensità più elevata è quella di grado tre (a cui corrispondono tre riquadri colorati in verde) e indica che il gestore del fondo, nell’espletare il mandato ESG dichiarato, prende in considerazione solo ed esclusivamente criteri di natura non finanziaria; l’intensità di grado due (a cui corrispondono due riquadri colorati in verde) significa che il gestore valuta in via prioritaria i criteri non finanziari e in seconda battuta subentrano i criteri finanziari; l’intensità di grado uno (a cui corrisponde un solo riquadro colorato in verde), che nella scala è il giudizio più basso, indica che i criteri non finanziari vengono presi in considerazione dal gestore solo in via residuale. Per ciascun fondo, inoltre, a fianco al grado di intensità viene indicato se il gestore ha deciso di focalizzarsi su una determinata area del mondo ESG: Environmental, Social, Governance.

 

Non vengono ovviamente meno le altre analisi che nel tempo hanno contraddistinto il rigore della metodologia sviluppata da Quantalys. Il Barometro Quantalys per capire se l’investimento realizzato ha un carattere offensivo o difensivo, l’analisi di scenario per valutare l’andamento del portafoglio nelle fasi critiche che hanno caratterizzato i mercati negli ultimi anni, l’analisi di efficienza del portafoglio rispetto alla Frontiera efficiente, l’analisi di evoluzione del montante con il cono à la Ibbotson, l’analisi di diversificazione e di correlazione, l’analisi relativa alla contribuzione dei prodotti in merito alla performance e al rischio.

Con l’aggiornamento del mese di Aprile abbiamo prestato particolare attenzione al tema caldo dei costi come richiesto dalla normativa Mifid II. L’analisi dei costi è stata implementata nello strumento di Proposta in modo da offrire al consulente uno strumento di supporto nella fase di trattativa e di “caccia di nuovi clienti”; in altri termini abbiamo deciso di portare avanti un’analisi ex – ante dal momento che nell’analisi ex – post, ovvero in fase di rendicontazione, non possiamo certo sostituirci alla documentazione ufficiale proveniente dalla banca mandante. Per dare comunque una risposta alle numerose richieste che abbiamo ricevuto dai nostri clienti abbiamo cercato di dare maggior spazio all’analisi dei costi anche nel Portafoglio. Nella schermata di Sintesi viene quindi data indicazione delle Spese correnti medie che gravano sul portafoglio. Nella schermata Performance, nella sessione dedicata al dettaglio dei prodotti (Zoom prodotti), è stata inserita una voce dedicata alle spese dei singoli prodotti con indicazione delle spese correnti sia in percentuale sia in importo assoluto.   

 


Luigi Carta - Analyst and Sales presso Quantalys Italia.

domenica 18 agosto 2019
  Info e supporto